Negli ultimi 15 anni, dal primo Vaffa Day del 2007, ha cresciuto, coccolato e dato voce al “popolo della Rete”. E adesso il “popolo della Rete” si rivolta contro di lui. Se potesse, anzi, renderebbe concreta l’ipotesi di cui si parla in queste ore nel M5S: la maggioranza degli iscritti che si muove tra le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Il partito nuovo vola al 15%. Crollano i 5S e anche il Pd

prev
Articolo Successivo

Draghi teme il ritorno dei vincoli di bilancio: “Il debito crescerà”

next