Il procuratore di Perugia, Raffaele Cantone, ex presidente dell’Autorità anticorruzione, Anac, ha espresso tutta la sua preoccupazione sul decreto Brunetta, approvato dal Consiglio dei ministri ai primi di giugno, davanti alle commissioni congiunte Affari costituzionali e Giustizia del Senato. Stiamo parlando del decreto legge che riguarda “misure urgenti per il rafforzamento della capacità amministrativa delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Corruzione, in Italia un indagato ogni 14 ore

prev
Articolo Successivo

La sbroccata di Grillo, la mossa di Conte e come andrà a finire

next