Scritti

Simone Weil, la coscienza di essere “capro espiatorio”

Pubblicate le lettere della filosofa, operaia e insegnante alle sue allieve durante il nazismo: “È l’assenza di pensiero libero che rende possibile il fascismo”

Di Massimo Novelli
26 Giugno 2021

Basterebbe il frammento della lettera inviata da Tolosa all’ex allieva Huguette Baur, nel settembre 1940, per testimoniare quanto Albert Camus avesse ragione nell’affermare di non poter immaginare una rinascita dell’Europa senza il pensiero di Simone Weil, il “solo grande spirito del nostro tempo”. Non a caso l’autore di L’uomo in rivolta si occupò di far […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.