Non verrà estradato negli Stati Uniti perché dichiarato “a rischio suicidio” dai giudici di Londra, ma chiuso nella prigione di massima sicurezza di Belmarsh – quella che in Gran Bretagna chiamano “la Guantanamo inglese” –, rimane in cella e in pericolo di vita l’uomo che ha svelato la verità sulle atrocità delle ultime grandi guerre […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’Hirak, vincitore senza potere

prev
Articolo Successivo

Uno scoop per far fuori il ministro

next