A quasi vent’anni dagli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001, tre ex funzionari sauditi vengono interrogati, via Zoom, in un’aula di giustizia di New York, da avvocati che rappresentano le famiglie delle vittime, nella speranza che le loro deposizioni, fin qui evasive e reticenti, forniscano elementi su legami, finora mai provati, tra le autorità di Riyad […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Il verdetto che smentisce Ghedini sui soldi di B.

prev
Articolo Successivo

Meno di 2 ore per celebrare il fallimento in Afghanistan

next