Una volta era il lamento funebre. Oggi è l’esibizionismo. Lo so, l’argomento non è allegro ed è pure urticante. Però va affrontato, perché infine le culture dei popoli da questi riti passano: matrimoni e funerali (più frattaglie: diciott’anni, feste di laurea, ecc.). Nell’antichità il lamento funebre era addirittura un’arte, e le virtù del morto ne […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Virus dell’assurdo. “Mio figlio, libero di far tutto (dopo la quarantena) tranne la maturità in aula”

prev
Articolo Successivo

Procuratori Gattuso-Mendes: e Commisso rifiutò la ricca abbuffata “made in Portugal”

next