“La Vedova Nera è integerrima. È un grande personaggio. Non ha paura di ammettere quando ha torto. È tenera, a suo modo. È curiosa di se stessa e degli altri. E questo la distingue”. Per Scarlett Johansson Black Widow, al secolo Natasha Romanoff, è un romanzo di formazione cinematografica, perfino esistenziale: “Certamente oggi ho meno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Le confidenze di Tognazzi, Monicelli con lo spazzolino e la timidezza di Haber”

prev
Articolo Successivo

“Sono sempre tra i miseri dove nessuno vuole stare. Nemmeno loro”: D’Amico reporter di lotta e sangue

next