È un presidente a metà quello emerso dalle urne iraniane. Ma ciò non significa che Ebrahim Raisi si tratterrà dal mettere in pratica i voleri del proprio mentore, Ali Khamenei, la spietata guida suprema della Repubblica islamica sciita. Il magistrato ultraconservatore Raisi è risultato il vincitore delle consultazioni presidenziali a cui ha partecipato però solo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Snowden, otto anni dopo. La vita anonima a Mosca

prev
Articolo Successivo

Regionali: Macron teme la botta, Le Pen favorita

next