Ogni tre cartelloni, ce n’erano almeno due che raffiguravano il volto di Adil Belakhdim, il sindacalista di origine marocchina morto venerdì mattina in provincia di Novara, travolto da un camionista durante lo sciopero della logistica accanto a un polo della catena di supermercati Lidl. Quella che ieri pomeriggio ha sfilato per le vie di Roma […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il Tar: “Report riveli le fonti sulla Lega”

prev
Articolo Successivo

La lotta dei padroni: chiedere i danni ai sindacalisti. Il giudice a Pavia dice no

next