Foyer, baciamano, citazioni e arredi preziosi. Antiche macchine sceniche e maestranze tecniche, quelle vere. Omaggi alla grande lirica e intermezzi quasi da sitcom. La lingua aulica dei libretti d’opera ottocenteschi e i derapage nella retorica e nello slang dell’attualità: “Le 74 porte sono tutte chiuse. Sa, c’è il Dpcm”. Personaggi bizzarri che sembrano appena affiorati […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“La festa con Vasco e la paura con Pino”

prev
Articolo Successivo

“Spatriati”: giovani, belli e genderfluid

next