Succede qualche volta di trovarsi nell’imbarazzo di recensire i lavori degli amici o dei colleghi, e mica è detto che siano sempre apprezzabili. E dunque, per non far torti né all’interessato né al lettore, bisogna incamminarsi in un’impervia strada di perifrasi, non detti e omissioni di vario tipo. Questo dilemma non si pone, mai, con […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Così Ale è tornata a casa”. Come è nato il mio docufilm su Alessandra Appiano

prev
Articolo Successivo

Dino Valdi, “L’ombra di Totò”: da stuntman a sostituto in scena

next