La Regione Lazio apre una fessura nel muro eretto dal ministro della Salute Roberto Speranza e dall’Aifa, l’agenzia nazionale del farmaco, per fermare la somministrazione di AstraZeneca agli under 60 che hanno già ricevuto la prima dose del siero anglo-svedese. Obiettivo: consentire a chi lo vuole di completare il ciclo con lo stesso farmaco. Sì, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Draghi allunga l’emergenza. Salvini protesta, Renzi tace

prev
Articolo Successivo

“Il vaccino è un atto medico, un errore farne un happening”

next