Nemmeno i due incontri ravvicinati alla presenza “solenne” di Papa Francesco fecero desistere Gianluigi Torzi dalle sue “modalità ricattatorie” nei confronti della Santa Sede. Ne sono convinti i giudici del Tribunale di Roma, che hanno bocciato il ricorso al Riesame del broker molisano. L’imprenditore, accusato dalla Gendarmeria vaticana di “truffa” e “ricatto” per la complessa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Piove, non ti pago: storie di schiavitù dall’estate italiana

prev
Articolo Successivo

L’emendamento (bloccato) del M5S che smonta il Rdc

next