“Il futuro non mi appare rosa, ma nella sua nudità. I dolori non mi sorprenderanno: sono inclusi nel mio bilancio domestico – ogni gioia sarà inattesa”. Così Aleksandr Puškin, in una lettera del 1831, confessa all’amico Krivtsov la sua determinazione a prender moglie “pur senza passione, senza infatuazione giovanile”. Pochi mesi prima, proprio alla ponderazione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Draghi, l’ideologia dello status quo

prev
Articolo Successivo

L’ereditiera senza slip, Sartre e il Pci: che scatto, Umberto

next