Chaplin gli ha tracciato la strada professionale: “Guarda ciò che ti circonda e immagina le vite degli altri”. Gli orrori della guerra hanno segnato la sua esistenza: “A dieci anni un soldato tedesco mi ha sparato: sono vivo perché la pistola si è inceppata”. Con Luigi Zampa ha scoperto la magia del set: “Qualcosa di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La vita post-Covid in dieci lezioni

prev
Articolo Successivo

Minuto 43, la grande paura: Eriksen rianimato in campo

next