Una questione di numeri. È questa la morale (un po’ arida) delle primarie del centrosinistra torinese che, tra oggi e domani, dovranno scegliere un candidato sindaco capace di riconquistare quella Sala Rossa persa da Piero Fassino nel 2016. La partecipazione al voto nei gazebo, innanzitutto: con solo 1176 elettori che si sono iscritti invece alla […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Lega-FI, rivolta dei leghisti per i posti da cedere a B.

prev
Articolo Successivo

Roma scopre Michettone (e Sgarbi è già assessore)

next