Come secondo cognome fa “Quellodifurore”. Tutta una parola. Per la comune anagrafe è Alessandro Greco, classe 1972 e un destino già deciso quando aveva quindici anni e “giravo Puglia, Calabria e Basilicata per presentare feste, sagre, manifestazioni e qualunque situazione che prevedeva un conduttore”. Poi a 25 si è trovato di fronte Raffaella Carrà e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Fare certi processi solo su querela

prev
Articolo Successivo

“Mandibules”, ridere con Dupieux allunga l’esistenza

next