Camilla Canepa soffriva di una carenza cronica di piastrine, una malattia autoimmune di origine ereditaria. Inoltre, era sottoposta a una terapia ormonale con due farmaci, uno a base di estrogeni e un altro a base di progestinici (medicine che già di loro possono provocare rari casi di trombosi). Sono due dati importanti nell’inchiesta per omicidio […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Figliuolo, Toti&C.: Aifa ignorata e “avanti tutta”

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Natangelo

next