Lo strazio dei familiari delle vittime della mafia, per cui non esiste il fine pena, va sempre ricordato. Ma la scarcerazione dell’ex boss stragista di Cosa Nostra, Giovanni Brusca, è il frutto dell’applicazione rigorosa della legge, che garantisce uno sconto di pena anche a carnefici come lui, che preme il telecomando a Capaci o scioglie […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Centofanti canta: “Ecco gli accordi con Palamara…”

prev
Articolo Successivo

“Il messaggio è per i boss. Ma pentimento sia leale”

next