Se si ascolta solo la voce dei titolari di alberghi e ristoranti, sembra che siano loro gli unici imprenditori del Paese a offrire posti di lavoro, sistematicamente rifiutati da una generazione di “fannulloni”, “amanti dei sussidi”, primo tra tutti l’esecrato reddito di cittadinanza. In realtà, i dati diffusi ieri da Anpal e Unioncamere dicono l’esatto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ecco la task force per semplificare le leggi: è l’ottava…

prev
Articolo Successivo

“Con Rousseau è stata dura. Non delegheremo più nulla”

next