“Non appena presa in mano la penna”, disse Walter Benjamin dello scrittore Robert Walser, “entra in uno stato di disperazione. Tutto gli sembra perduto”. A Claudio Magris – scrittore, saggista, giornalista, traduttore, viaggiatore e mitografo – succede esattamente il contrario. Ogni riga scritta di suo pugno è un tentativo di non cedere alla disperazione, di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Quanto vale il silenzio mafioso

prev
Articolo Successivo

Tornano i “Comedians” e la comicità “serissima”

next