I risultati delle Presidenziali di domenica restituiscono la fotografia di un Paese spaccato tra cambiamento e restaurazione. L’aveva detto e ribadito a ogni incontro in campagna elettorale: “Vengo dal profondo Perù”. Ed è proprio da lì che per il maestro di campagna Pedro Castillo sono arrivati i voti che potrebbero incoronarlo presidente con poco più […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Amlo e il voto: ok alla Camera, ma la Capitale gli volta le spalle

prev
Articolo Successivo

Quell’inferiorità violenta dell’uomo qualunque

next