Ma è proprio sicura Michela Murgia che piazzare la “e” rovesciata per rendere neutre le desinenze e fare pari e patta tra maschile e femminile (termine tecnico schwa, vocale centrale media, che sarà pure italiano ma fa tanto swhaili) sia davvero un passo avanti per le magnifiche sorti e progressive della lingua? Lei ne parrebbe […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Transizione eco-illogica del ministro Cingolani

prev
Articolo Successivo

Franzaroli

next