È il 21 settembre 2017. A una riunione fra rappresentanti di Autostrade per l’Italia e Spea Engineering, la controllata per la manutenzione, si parla del Ponte Morandi. A quel tavolo c’è Carmelo Gentile, docente del Politecnico di Milano incaricato di valutare lo stato del viadotto: “È una pistola carica”, dice, e potrebbe finire “in mano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Csm, sorteggio e porte girevoli: la riforma riparte in salita

prev
Articolo Successivo

Mottarone, il racconto di tre testimoni agli inquirenti: “La cabina era bassissima per poco non ci ha prese”

next