Delitti e castighi (letterari)

Momò e Madame Rosa, il commovente amore filiale prima degli assistenti sociali

“La vita davanti a sé” di Romain Gary esce nel 1975 e vince subito un Premio Goncourt. È stato recentemente trasposto al cinema da Edoardo Ponti con la madre Sophia Loren nei panni della protagonista. Narra le vicende di una anziana obesa sopravvissuta al lager e alla prostituzione e del figlio di una “battona” ammazzata dal pappone (e padre del piccolo)

3 Giugno 2021

Quando non c’erano ancora i solerti assistenti sociali, poteva capitare che un teppistello musulmano venisse cresciuto da una prostituta ebrea, in una casa fatiscente, in una banlieue degradata, tra tossici, psicotici e nullafacenti vari. Eppure, quella tra Momò e Madame Rosa, è una delle storie d’amore filiale e materno più riuscite e commoventi della storia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.