È il tempo di dare soldi e non di prenderli dagli italiani, dice Mario Draghi. Per misurare l’ipocrisia di questa affermazione e capire come essa sia purtroppo divenuta destino comune, basta fare una telefonata ad Aboubakar Soumahoro, il migrante ivoriano oggi portavoce degli Invisibili, gli ultimi degli ultimi, i diseredati, i senza patria e senza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Stresa, strage della funivia. Si stacca un cavo, 14 morti

prev
Articolo Successivo

Chiesa. I clericali di destra, il Sinodo e la lezione di due quarantenni, un vescovo e un teologo

next