Un po’ come la scena della partita di pallone del film Don Camillo (1952): quella tra la squadra dei comunisti agli ordini del sindaco Peppone (“Ho da dirvi semplicemente questo – urla Gino Cervi nello spogliatoio prima del match -: voi giocate contro la squadra della reazione. Dovete vincere! O vi spacco la testa a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il male del secolo “Il viaggio di una donna, la malattia e il coraggio. Addio Emilia mia”

prev
Articolo Successivo

I ricchi non pagano mai: Letta sembra Robin Hood e Draghi scorda i giovani

next