Inflessibili su rigori ed espulsioni, gli arbitri italiani sono un po’ meno fiscali quando si tratta delle proprie spese. C’è un gruppetto di direttori di gara e guardalinee, anche di Serie A, che da circa un mese non viene più designato: nel silenzio generale, sono stati sospesi in via cautelare perché sospettati di aver alterato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ormai anche un fake-decesso basta a scatenare i social network

prev
Articolo Successivo

La colonna (sonora) delle nostre vite

next