Nuove nubi si addensano sulla trasparenza fiscale delle multinazionali. Dopo un lungo e travagliato negoziato a Bruxelles durato cinque anni, la Francia minaccia ora di far saltare l’accordo finale tra governi ed Europarlamento, se la direttiva sul Country-by-country reporting (in gergo Cbcr) non verrà profondamente annacquata. La mossa arriva a poche settimane dalla notizia che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Caso Giffey, la ministra lascia per il sospetto sulla tesi copiata

prev
Articolo Successivo

La scommessa di Burry: Tesla crollerà

next