Sabato. 13 e 30. Allarmi a Tel Aviv mentre ci preparavamo a scendere in spiaggia (abitiamo a dieci minuti dal mare). Scendiamo nel rifugio del palazzo vicino. Risaliamo a casa dopo dieci minuti. Niente mare per oggi. Non lontano da qui, a Ramat Gan, c’è stato un morto. Un signore che viveva da solo in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Gaza, Israele non si ferma: “La tregua ancora lontana”

prev
Articolo Successivo

“Matteo si gioca il partito Silvio tutta l’eredità e Renzi la sua poltrona”

next