A Parigi il corteo pro-palestinese sarebbe dovuto partire alle 15 da Barbès, quartiere con un’importante comunità musulmana, in direzione della Bastille, passando per il Marais, lo storico quartiere ebraico della città. Un percorso considerato troppo rischioso dal ministro dell’Interno, Gérard Darmanin, che ha deciso di vietarlo: “Non ci possono essere manifestazioni di odio in Francia”, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Israele: “Nessuna tregua”. Abbattuta la torre dei media

prev
Articolo Successivo

L’Accordo di Trump è già sepolto dalle bombe

next