Salutato da una gragnola di razzi palestinesi su Tel Aviv e da attacchi aerei israeliani sulla Striscia di Gaza, l’inviato degli Usa per il Medio Oriente, Hady Amr, è giunto a Gerusalemme nel momento in cui i peggiori scontri degli ultimi sette anni tra israeliani e palestinesi toccavano il loro culmine, aggravando un bilancio di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Londra sfila pacifica. Parigi, corteo negato pro-Palestina: scontri

prev
Articolo Successivo

I democratici e il coraggio di criticare Israele da amici

next