Il dio della politica acceca coloro che vuole perdere (e, soprattutto, che vuole “far perdere”). Potrebbe essere questo, nelle urne d’autunno, un destino non improbabile per la città della Mole. Dove, dopo il no del Pd locale (e il veto pesante dei suoi antichi leader ex comunisti: Piero Fassino e Sergio Chiamparino) alla proposta della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Berlusconi primi coccodrilli per il Caimano (ma sono bufale)

prev
Articolo Successivo

“Noi non subiamo”. Letta adesso prova a uscire dall’angolo

next