Feste vietate, lettere anonime con memory card allegate recapitate in Consiglio regionale, leggi fabbrica-poltrone, fughe rocambolesche, inchieste della Procura di Cagliari e di quella militare di Roma e, novità, un appalto milionario. Più passano i giorni, più il pranzo alle Terme di Sardara – vietato perché avvenuto il 7 aprile, con l’isola in zona arancione […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

L’Italia va in giallo (esclusa Aosta). Stop a quarantena per i voli Ue

prev
Articolo Successivo

La Corte dei conti blocca ReiThera: no agli 81 milioni per l’italo-svizzero

next