TENSIONI E FRUSTRAZIONI. La maggioranza LaRem del presidente Macron ha tremato per un momento questa settimana. Martedì scorso, 11 maggio, poco prima delle 19, la legge per l’uscita progressiva dallo stato di emergenza è stata bocciata al primo voto in Parlamento (108 voti contro e 103 a favore). Un duro colpo per l’Eliseo. Per la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno