Affidare la stesura del Recovery plan a una burocrazia di piccolo cabotaggio, italiana o europea che sia, produce un piano di piccolo cabotaggio. Il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) consegnato a Bruxelles non è stato costruito con il Parlamento, nemmeno nella versione finale, né ha visto coinvolte associazioni e portatori di interessi della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

C’è una sola certezza: sarà il Pnrr del lavoro precario

prev
Articolo Successivo

Draghi: il trust inglese, la società in Georgia e le due case a Londra

next