Quando nel settembre del 2018 i sostenitori dell’impresa olimpica di Milano-Cortina coniarono la fortunata espressione “Giochi dell’autonomia”, per estorcere al premier Conte la firma sulla candidatura e placare le proteste dei 5Stelle che pretendevano che lo Stato non ci mettesse un euro, tutti pensarono a un bluff: i soldi pubblici sarebbero arrivati comunque e in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Storari ai pm: “Io e Piercamillo abbiamo soltanto seguito la legge”

prev
Articolo Successivo

Pista di bob, che salasso: il Cio non mette un euro

next