I lupi di Wall Street stanno azzannando la storia del rock. A suon di milioni, beninteso. L’offensiva dei venture capitalist per acquisire i cataloghi delle star ha ormai la silhouette di una bolla speculativa che, stando agli analisti, non si sgonfierà prima di cinque anni. O finché incanutiti cantautori e mature band dal consolidato appeal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Il noir, che nascedalle nostre vite

prev
Articolo Successivo

Bye bye Ferrari, la Maserati si disfa dei “limiti d’etichetta”

next