“Enoi je dimo, e noi je famo, c’hai messo l’acqua e nun te pagamo”. Pur essendo romano (e romanista), è difficile immaginare Mario Draghi perdere il suo aplomb, vestire i panni di uno dei “ragazzi fatti cor pennello” protagonisti dello stornello romanesco La società dei magnaccioni e gridare ai signori dell’Unione europea “Oste! Portace n’antro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La vignetta di Mora

prev
Articolo Successivo

Dl Sostegni, salta il superbonus aziende. Ira M5S

next