Federico e Antonio Ciontoli, da due giorni nel carcere di Regina Coeli, hanno accettato la loro sorte con lucidità. Federico era preparato. Antonio è stato moderatamente ottimista fino alla fine, non tanto per se stesso, ma per la sua famiglia, che ha sempre scagionato da ogni accusa. “Pagano per una mia colpa, sono innocenti”, mi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La “maledizione” della linea 12

prev
Articolo Successivo

Dal Berlusconismo al Renzismo, epopea del politico “fai da te”

next