Non mi stupisce, purtroppo, che sui social arabi siano proliferati moti di giubilo per l’atroce mattanza in cui è degenerata la festività ebraica di Lag Ba’omer sul monte Meron: 45 morti e 150 feriti tra la folla dei haredim, gli ultraortodossi schiacciati e soffocati nel mentre il loro fervore religioso trasmutava in panico. Attribuire un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Alla Festa del Lavoro l’imboscata di “neri” e “gialli” al sindacato

prev
Articolo Successivo

Netanyahu senza alleati, anche Bennett dice ‘no’

next