Il caso Fedez ha convinto ancor di più Mario Draghi ad affidare a un supermanager esterno la guida della Rai. Un professionista che però non dovrebbe coincidere con Tinny Andreatta, evocata invece da molti come rientrante da Netflix, che tra l’altro porrebbe il problema della clausola di non concorrenza. E i candidati in lizza per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

I renziani calunniano Report: “Paga le fonti”

prev
Articolo Successivo

Viale Mazzini: Il dogma antico del “sistema”

next