Prima o poi le procure italiane – a partire da quella di Perugia – dovranno sciogliere il nodo più importante di questa vicenda: chi è davvero Piero Amara? L’ex legale esterno dell’Eni, che da un anno e mezzo descrive l’esistenza di una loggia segreta chiamata “Ungheria”, che a suo dire ha condizionato il Paese – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Csm, volano stracci e verbali. Il Consiglio scarica Davigo

prev
Articolo Successivo

Alla Festa del Lavoro l’imboscata di “neri” e “gialli” al sindacato

next