Era il 19 gennaio 2009 quando il Cipe approvò il progetto definitivo dell’autostrada Pedemontana Lombarda e quasi 35 mila lombardi proprietari di terreni, case e fabbriche vennero avvisati che loro proprietà sarebbero state espropriate per lasciare spazio alla costruzione di un’infrastruttura che – è bene ricordarlo – avrebbe dovuto essere completata entro Expo 2015. Da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Leonardo si espande in Europa: gli indizi di una svolta filo Usa

prev
Articolo Successivo

Mutui under 35. Ecco la garanzia di Stato che aiuta banche e imprese

next