A sentire alcuni pretesi esperti, una quota dei propri risparmi andrebbe messa in bitcoin, ormai sdoganato come un investimento alla stregua di altri. Esso fungerebbe addirittura da riserva di valore. Sconsiglio caldamente dal dare retta a tali esortazioni, di soggetti quasi sempre in conflitto d’interesse: intermediari che guadagnano sulle compravendite o docenti di corsi sulle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Tassare i ricchi più dei poveri. Stavolta non seguiamo gli Usa?

prev
Articolo Successivo

La Total è green per finta: non riduce i veleni ma pianta alberi

next