Il Ponte Morandi è appena crollato e la verità cancellata dai documenti ufficiali si fa strada in un luogo impensabile, la chat aziendale del fantacalcio dei dipendenti di Spea, la società incaricata del monitoraggio delle opere autostradali: “Sono stato a Genova tre anni e le pile e le stilate della pila non le abbiamo mai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Diasorin, indagati l’ad Rosa e Venturi del San Matteo

prev
Articolo Successivo

Autostrade, da Cdp&C. l’ultima offerta. La palla passa ai grandi soci di Atlantia

next