Lavorare per conto di un progetto, la Torino- Lione, e poi portare in piazza migliaia di persone a sostegno di quello stesso progetto, tacendo sui propri interessi diretti. C’è riuscita – accusano i No Tav – Simonetta Carbone, titolare di un’agenzia di relazioni pubbliche di Torino che ha ottenuto nell’agosto 2018 un affidamento da 90mila […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 10,99€ / mese*
*fino al 30 Settembre 2021

Articolo Precedente

Letta e i rischi ragionati: non sbaglia lui

prev
Articolo Successivo

Ombre rosse. Gli arresti di Parigi (e gli anni di piombo)

next