Beni pubblici a garanzia delle richieste di risarcimento. Nei contratti firmati con la Commissione Ue, Pfizer e le altre Big Pharma hanno ottenuto la totale indennità per gli effetti collaterali dei vaccini, ma in alcuni Paesi poveri si è andati oltre, chiedendo asset dello Stato a garanzia dei possibili effetti avversi. Una clausola che, in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Big Pharma, Strasburgo boccia il brevetto libero

prev
Articolo Successivo

Helsinki e i tanti ritardatari: i fondi del Recovery slittano

next