Il piano nazionale di ripresa e resilienza del governo Draghi tradisce tristemente le promesse del premier di fare del recovery plan una rivoluzione verde. Al di là delle parole quello che contano sono i numeri ed in questa breve analisi cercherò di spiegare come si è tradita la transizione ecologica e come alcuni progetti sono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il Piano ‘divisivo’ arriva in Aula. “Lo ha avuto l’Ue prima di noi”

prev
Articolo Successivo

Il sangue dei partigiani “eretici” disprezzati dal Pci di Togliatti

next