Ma provate a mettervi nei panni di questo sindacalista. Che ha una concezione alta e nobile sia del sindacato sia del servizio pubblico. E pensa sia suo preciso dovere tenere il proprio luogo di lavoro al riparo da presenze o influenze mafiose. Egli sa – lo ha letto sui giornali, ha visto che se ne […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Fuga da Milano. “Vivo in campagna, lavoro in smart working e rimpiango il caos urbano”

prev
Articolo Successivo

Superlega, anzi no. Agnelli e quella sporca dozzina di presidenti indebitati fino al collo

next